I biscotti alle mandorle della Signora Morena

biscotti-alle-mandorle

 

Purtroppo i commenti per questa ricetta sono andati dispersi insieme all’incidente della chiusura del sito, per fortuna ho ritrovato l’originale. Vi posso solo dire che la ricetta l’avevo trovata sul sito www.lospaziodidea.com e io ve la posto pari pari perché la ricetta è già perfetta così com’è!

P.S. il titolo è l’unica cosa che mi ricordo dell’articolo che scrissi qualche hanno fa: la signora Morena era stata così carina nel complimentarsi per i biscotti che avevo deciso di dedicarle il post. Spero abbia già provato a farli!

 

BISCOTTI ALLE MANDORLE

370 gr. mandorle pelate ridotte a farina

300 gr. zucchero

10 gocce di estratto di mandorla amara (o 2-3 mandorle amare)

4 albumi

1 pizzico di sale

2 gocce di limone

zucchero a velo per la copertura

 

Accendere il forno a 200°. Montare a neve ben ferma gli albumi con un pizzico di sale e le due gocce di limone. Non appena gli albumi cominciano a montare cominciare ad aggiungere lo zucchero a poco a poco continuando a montare gli albumi, aggiungere le gocce di estratto di mandole amare. Rendere a farina le mandorle pelate (se usate anche le mandorle amare rendere a farina anche esse e incorporarle alla farina, se si preferisce l’estratto seguire la ricetta come sopra) Aggiungere, con una spatola e con movimenti leggeri da sotto a sopra la farina di mandorle ottenuta ed amalgamare bene fin quando non si ottenga una crema appiccicosa ma soffice. A questo punto foderare delle placche con della carta da forno riempire una tasca da pasticceria con l’impasto ottenuto e formare dei disegni a S (o come si vuole, si possono anche usare dei semplici cucchiai per prelevare l’impasto che sarà così – a cucchiaiate – adagiato sulla placca da forno). Spolverizzare con dello zucchero a velo ed infornare fino a doratura. Aspettare che si siano completamente raffreddate le paste prima di rimuoverle dalla carta da forno

2 thoughts on “I biscotti alle mandorle della Signora Morena

Rispondi a Valentina Pasquini Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *